annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
13 Marzo 2017

Preparare l'orto in 6 passaggi

salva
0 E' utile

Affrettiamoci a preparare l’orto! La primavera è alle porte e ancora non abbiamo predisposto il terreno per accogliere insalate, pomodori e altri ortaggi freschi e saporiti che ci gusteremo per tutta l’estate.

La prima cosa da fare è la preparazione del terreno: come si esegue?

 

Ecco, passo per passo, come procedere:

1. Eseguiamo una lavorazione del terreno profonda circa 20-30 cm: utilizziamo una zappa o una motozappa (e la schiena ringrazia!), così da rompere la dura crosta superficiale e le zolle di terra compattata, renderlo più sminuzzato e morbido. 

 

Come prima cosa, prepariamo il terreno... - foto dell'autriceCome prima cosa, prepariamo il terreno... - foto dell'autrice

 

2. Eliminiamo le malerbe: già con la lavorazione del terreno le malerbe presenti nel terreno vengono eradicate. E’ importante eliminare queste specie infestanti alla radice, per impedire che ricrescano in breve tempo.

 

3. Dissodiamo il suolo, eliminiamo, cioè, tutti i residui grossolani, sassi, residui vegetali e altre impurità eventualmente presenti nel terreno. Per eseguire quest’operazione può essere sufficiente l’utilizzo di un rastrello. I sassi più grossi possono essere allontanati manualmente: indossiamo sempre un paio di guanti per eseguire i lavori nell’orto! 

 

Livelliamo il terreno con un rastrello...Livelliamo il terreno con un rastrello...

 

4. Arricchiamo il terreno con concime organico (il letame è tra i migliori), da distribuire omogeneamente su tutta la superficie del terreno e incorporare subito sotto la superficie con una vanga. E’ importante che la terra dell’orto abbia una buona dose di elementi nutritivi disponibili alle piantine per ottenere una produzione di qualità e quantità soddisfacenti.

 

5. Infine, livelliamo il terreno, sempre con un rastrello, in modo tale da rendere la sua superficie lineare. La presenza di buche, affossamenti o pendenze nell’orto va evitata, poiché potrebbe determinare accumuli e ristagni di acqua con conseguente sviluppo di marciumi nelle piante coltivate in queste zone. 

 

6. Una volta terminata la lavorazione del terreno, per avere un orto più pulito dalla terra, e privo di malerbe, stendiamo un telo pacciamante (di solito sono di colore nero, in materiale platico) nel quale praticheremo dei fori in cui inserire le piantine all’impianto. Quelli quadrettati  sono più comodi poiché ci permettono di praticare i fori per l’inserimento delle piantine a distanze definite, ed essere più precisi e ordinati. Per bloccare i teli al terreno, utilizziamo dei picchetti ; in questo modo, il telo viene fissato e non si muove più.

 

Inseriamo le piantine nei fori fatti sul telo pacciamante...Inseriamo le piantine nei fori fatti sul telo pacciamante... 

Ora il terreno è pronto per la messa a dimora delle piantine da orto. Ricordiamoci, però, che il terreno va sempre tenuto in ordine con lavorazioni periodiche ed eliminando prontamente le malerbe in continua crescita.

 

Vuoi altri consigli per la cura del tuo orto?  Leggi anche:

"7 consigli su come tenere un orto in ordine

5 regole per un orto produttivo

Mettere a dimora le piantine dell’orto

La rotazione colturale in orto” 

Affrettiamoci a preparare l’orto!”