annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
13 Luglio 2018

Come coltivare le rose rampicanti

salva

Dopo avervi parlato di rose a cespuglio e rose tappezzanti, è la volta di quelle rampicanti.

 

Le rose rampicanti sono l’ideale per ricoprire muri, pergolati, cancellate o anche per creare archi fioriti di notevole valore decorativo: abbelliscono e rendono unici angoli di giardino, o spazi più ampi, assolati. 


rose rampicanti_pixabay.jpgLe rose rampicanti possono essere utilizzate a ricoprire spazi di giardino - foto Pixabay

 Le rose rampicanti sono caratterizzate da una crescita molto vigorosa: i loro rami si allungano molto e si arrampicano (le chiamano anche “climber”), andando a ricoprire ampie aree. Non sono, però, in grado di sostenersi da sole, in quanto la loro consistenza è tendenzialmente semilegnosa e non sono dotate di organi con cui attaccarsi ai tutori; necessitano quindi di essere sostenute ad un supporto.

Diversi sono i supporti sui quali far crescere le rose rampicanti; alcuni sono già presenti in giardino (cancelli o muri), altri devono essere allestiti ad hoc: griglie in legno, archetti in ferro, pergolati di diverse forme e dimensioni. 

rose ramp.jpgLe rose rampicanti hanno bisogno di sostegni su cui crescere: ad esempio su archetti (foto Pixabay), o su un muero (foto dell'autrice)

Solitamente si procede, come prima cosa, ad allestire i supporti, quindi a mettere a dimora le piante di rosa che vi cresceranno.

 

Definite il numero di piante che vi serve per ricoprire lo spazio voluto, considerando la loro crescita potenziale e la loro capacità di ricoprire ampie superfici in breve tempo. Solitamente, nel caso di pergolato quadrato, si mettono a dimora 4 piante, una per angolo; lungo una cancellata, è sufficiente mettere una pianta ogni 100-120cm; in una fioriera (larga in media 100cm e profonda 40cm) dotata di griglia, sul terrazzo, è sufficiente coltivare una sola pianta.

 

Quale terriccio utilizzare?

 Le rose crescono bene su terriccio di tipo universale, meglio se fertile! Addizionatelo con una buona dose di concime organico (letame in pellet o stallatico) o concime in granuli a lenta cessione da miscelare alla terra alle dosi indicate in etichetta.

Sul fondo del vaso, o della buca d’impianto, potrete sistemare uno strato di pochi cm di materiale grossolano (argilla espansa o ghiaia o cocci rotti) allo scopo di favorire il drenaggio. Gli eccessi di acqua, infatti, soprattutto i ristagni, sono deleteri in quanto provocano lo sviluppo di marciumi radicali!

 

Una volta messe a dimora, è importante è sempre seguire la crescita delle piante con una corretta potatura e legandone i rami ai supporti man mano che crescono: a questo scopo si utilizzano legacci appositi.

 

rosa ramp.JPGLegate la rosa a tutori man mano che cresce - foto dell'autrice

 

La potatura viene eseguita in due tempi: un primo taglio leggero va eseguito in autunno, non appena la pianta ha perso tutte le sue foglie, con lo scopo di ripulirla e sfoltirne la chioma troppo fitta e intricata; un secondo taglio, più deciso, verrà poi eseguito a fine inverno, una volta terminato il rischio di gelate tardive e appena prima la ripresa vegetativa della pianta. Con quest’ultimo taglio si dà alla pianta la forma desiderata, eliminando i rami secchi, lesionati o cresciuti in posizioni non desiderate, cercando sempre di sfoltire ed arieggiare la chioma, troppo fitta e intricata. Inoltre, per stimolare l’emissione di germogli laterali, si spuntano i rami principali. L’assenza di foglie rende il lavoro di potatura più semplice, in quanto ci permette di vedere bene tutti i rami e la loro disposizione.

Essenziale, non mi stancherò mai di scriverlo, è l’utilizzo di attrezzi in buono stato di manutenzione: forbici da potare con lame ben affilate e pulite, mi raccomando!

 

Cure di bellezza!

Anche le vostre rose hanno bisogno di cure di bellezza! Quali?

 

- Somministrate un fertilizzante specifico per rose, per rendere più vigorose e belle le vostre piante! Produrranno una chioma più verde e ricca di foglie e tanti fiori coloratissimi.

 

- Spruzzate un lucidante fogliare se notate che le foglie sono troppo opache o macchiate (dalla pioggia ad esempio): questi prodotti sono in grado di rendere le foglie lucide e splendenti!

 

- Controllate sempre che non vi siano insetti dannosi (afidi, o altri) o malattie fungine (oidio, ruggine, ecc.) e, nel caso, intervenite immediatamente con i giusti prodotti!

 

E tu, come coltivi le tue rose rampicanti? Mandaci una foto!, puoi inserirla nei commenti qua sotto!

 

Hai realizzato un progetto anche tu? Mostraci le tue creazioni e con i concorsi puoi vincere fino a 200€. Scopri i concorsi attivi in questo momento