Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
Pubblica
annuzza
Redazione

Settembre: i lavori in giardino e sul terrazzo

Etichette:
frutteto
giardino
lavori
orto
settembre

Settembre è il mese del rientro alla “normalità”; le vacanze sono ormai finite, le grandi città si ripopolano e le scuole stanno per ricominciare. Siamo tutti più rilassati, ricarichi di energia per il ritorno al normale ritmo lavorativo.

Le giornate sono ancora calde e lunghe, invitano ancora a stare all’aria aperta e a organizzare gite, scampagnate, pic-nic e grigliate con gli amici!

Prendiamoci sempre cura del nostro giardino, dell’orto e delle piante sul terrazzo.

 

Quali lavori ci aspettano?

 

Le piante dell’orto sono ancora in attività… la produzione è diminuita, insieme alle temperature e alle ore e intensità di luce, ma possiamo ancora raccogliere gli ultimi pomodori, melanzane, peperoni, peperoncini, ecc…

ortaggi.jpgInnaffiamo sempre l’orto, meno rispetto alle settimane passate, in base all’andamento della temperatura.

Mettiamo a dimora piantine di bietola da coste, cavoli, cavolfiori, catalogna, cicoria, finocchi, lattuga, indivia, radicchio, zucca. Seminiamo cipolle bianche, porri, prezzemolo, rucola, spinaci, valeriana.

 

Le piante da frutto ci regalano le ultimissime dolcissime pesche a polpa bianca, mele, pere, fichi, noci e nocciole.

E’ tempo di vendemmia! L’uva matura proprio in questo periodo.

 

Non abbassiamo mai la guardia e controlliamo che le piante non siano attaccate da insetti dannosi, voraci divoratori di foglie e altre parti di pianta! Afidi, cocciniglie e moscerini bianchi sono sempre in agguato, anche se le temperature sono più miti e meno favorevoli alla loro proliferazione.

Attenzione anche alle malattie fungine! Lo sviluppo di oidio e botrite, ad esempio, viene favorito dall’elevata umidità di questo periodo, tendenzialmente piovoso, e ancora caldo.

Prendiamo subito provvedimento utilizzando i necessari prodotti insetticidi e fungicidi.

 

Il prato è stato messo a dura prova per tutta la stagione passata… grigliate e giochi all’aperto, oltre al caldo e alla siccità, hanno contribuito a usurarlo, nonostante le assidue cure e bagnature. E’ il caso di ricorrere a semine per ristrutturarlo e infittirlo. Se avete seminato, ricordatevi di bagnare abbondantemente il prato, per favorire la germinazione dei semi. Se invece non avete seminato, potete iniziare a diradare le innaffiature.

 

Date le ultime regolate alla siepe del giardino, prima che si interrompa la sua crescita e inizi il riposo invernale.

 

Mettete a dimora i bulbi di specie a fioritura primaverile: tulipani, narcisi, muscari, giacinti, crochi… Passeranno tutto l’inverno protetti sotto terra per germogliare e fiorire a inizio primavera, colorando le aiuole del giardino.

 

I fiori sul terrazzo, gerani, oleandri, rose, ecc., considerate le temperature ancora miti, continuano a fiorire, ma sempre meno. Diradate la bagnatura di queste piante in base alla temperatura.

 

Ora è però il momento di fioritura delle margherite settembrine, dagli splendidi colori vivaci e dall’abbondante fioritura, daranno un tocco di colore al vostro terrazzo e al giardino.

75 settembrine (8).JPG

Che fare con zinnie e tagetes sfioriti? Prima di eliminare le piante dalle aiuole, raccogliete i capolini secchi: contengono i semi che, conservati per tutto l’inverno in luogo fresco e asciutto, potrete seminare la prossima primavera per ottenere nuove piantine che fioriranno per tutta l’estate.

 

Tenete ancora per qualche settimana le piante d’appartamento sul terrazzo, provvederete a ripulirle e a riportarle in casa non appena le temperature saranno calate ancora un po’. Continuate a bagnarle in base alle esigenze e a tenerle sotto controllo per l’eventuale comparsa di sintomi di malattia e attacco di insetti dannosi.

 

Hai bisogno di un consiglio per coltivare le tue piante? Fai una domanda sul FORUM!

Vuoi mostrare a tutti come coltivi le tue piante in giardino e sul terrazzo? Condividi il tuo progetto nell’area delle IDEE.