annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
24 Febbraio 2017

I consigli indispensabili per potare le rose

di annuzza
salva

La primavera è alle porte e, se non avete ancora provveduto, affrettatevi a potare le rose del giardino, prima che inizino a germogliare. Il freddo ormai è passato, le giornate iniziano a scaldarsi e ad allungarsi… la vegetazione si sta risvegliando dopo il lungo inverno!

La potatura è necessaria a rinvigorire la pianta, a darle una forma e a ripulirla da rami secchi o malati. Un groviglio di rami allungati e informi, trascurati da mesi, renderà le vostre rose disordinate e deboli, con una fioritura poco soddisfacente, se non intervenite con la potatura. La sua esecuzione è abbastanza semplice, ma va fatta nella maniera corretta per avere un buon risultato e rose belle e colorate per tutta l’estate.

 

Rosa_canina43045961_m (002).jpg 

 

Quali attrezzi servono? Utilizzate attrezzi di buona qualità e mantenuti in buono stato! Cesoie per i rami più grossi e forbici da potare per i rametti più sottili e per le rifiniture, con lame sempre ben affilate e pulite. I tagli, infatti, devono essere eseguiti in maniera netta e precisa, senza sfilacciature. Pulite e sterilizzate con uno straccetto imbevuto di acqua e alcol le lame dei vostri attrezzi dopo ogni utilizzo, in maniera da non trasmettere eventuali agenti patogeni da una pianta malata a una sana e, non meno importante, per mantenerle in buono stato e ben funzionanti. Ricordatevi, inoltre, che attrezzi solidi e maneggevoli, renderanno il lavoro meno faticoso e più soddisfacente!

 

 larged.jpg

 

 

Come si esegue il taglio? Il taglio dei rami, di qualsiasi dimensione, deve essere eseguito subito sopra una gemma e in senso obliquo: in questo modo l’acqua (pioggia o rugiada ad esempio) non si deposita sul legno, ma scorre via, senza rischio di marciumi.

 

rose 42888334_l (002).jpg 

Quali rami eliminare? Tagliate tutti i rami deboli, storti, secchi, malati o lesionati. Asportate, inoltre, i polloni, cioè tutti quei rametti che crescono alla base della pianta.

Sfoltite la chioma della pianta, in maniera da arieggiarla e permettere che la luce penetri al suo interno. In questo modo si eviterà lo sviluppo di malattie fungine (marciumi e muffe) e di insetti dannosi (le cocciniglie ad esempio).

Con la potatura, la pianta crescerà più sana e produttiva, con rami più forti e vigorosi.

 

 rose 40401955_m.jpg

 

Quale forma dare alla pianta? Il taglio varia in funzione della forma di allevamento che si vuole dare alla rosa e del suo naturale portamento, che può essere a cespuglio, rampicante o tappezzante, … dipende dalla varietà.

Nel caso di rose a cespuglio, i tagli vanno fatti più corti, lasciando su ogni ramo 2 o 3 gemme.

Nelle rose rampicanti, invece, i rami vanno lasciati più lunghi, con circa 6-8 gemme, in modo tale da permettere alla pianta di allungarsi lungo una parete o cancellata, aggrappandosi a tutori o griglie.

Nelle rose tappezzanti, infine, i rami non hanno bisogno di sostegni, ma strisciano al suolo; anche in questo caso, lasciateli abbastanza lunghi, con almeno 5-6 gemme, in maniera che ricoprano tutta l’area che si vuole nascondere.

Considerate, comunque, che la maggior parte delle rose fiorisce sui rami nuovi. Quindi eseguite la potatura cercando di favorire l’emissione di nuovi germogli e nuovi rami che porteranno tanti fiori!

 

 rose 41457493_m.jpg

 

 

1 Commento
15 Nuovo Appassionato*
Nuovo Appassionato*

Molto bene, ho appreso cose importanti. Non sono più costretto  a far venire un esperto.