annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
3 Maggio 2017

I consigli di Diego: LA DIVISIONE DEI CESPI

salva
0 E' utile

Oggi ti parlerò di un metodo di propagazione delle piante che si basa sulla divisione dei cespi. Lo puoi applicare a tutte le piante che crescono tramite un cespo: si tratta normalmente di piante erbacee, graminacee oppure liliacee, tutte accumunate dal fatto che la gemma si trova a livello della terra, magari su una radice modificata e non su un ramo legnoso.

 

Il momento migliore per eseguire questa pratica è la fine dell’inverno, tra marzo e aprile, prima che ci sia molta vegetazione: questo perché la porzione di pianta nuova deve cicatrizzare le ferite ed emettere nuovi germogli senza soffrire. La nuova pianta sarà ovviamente più piccola e magari non fiorirà, ma non preoccuparti è solo una fase transitoria! L’anno prossimo sarà in grado di riprendere la sua funzione ornamentale.

 

Il modo migliore per dividere un cespo è quello di separare delicatamente le radici dei vari germogli, così da rompere il meno possibile l’apparato radicale e rendere l’operazione meno traumatica. Di solito parto dal centro, dividendo a metà la zolletta, da lì procedo poi dividendo ancora a metà, fino a raggiungere la dimensione voluta.

 Dividi il ceppo a metà con le ditaDividi il ceppo a metà con le dita

Con l’esperienza capirai fino a che punto puoi spingerti per ridurre le dimensioni della pianta originaria. Il mio consiglio, per le prime volte, è di dividere i cespi al massimo in quattro.

 

Germogli divisi pronti per il rinvasoGermogli divisi pronti per il rinvaso

Una volta divisa la zolla è il momento di rinvasarla. La parte più difficile è azzeccare la profondità in cui mettere il tuo nuovo ciuffetto. Ecco un trucco per decidere il giusto livello: controlla dove il ciuffetto è sporco di terra e non spingerti oltre.

 

Livello corretto e pianta rinvasataLivello corretto e pianta rinvasata

 

 

Una volta rinvasata la nuova piantina, non dimenticarti di bagnarla!

 

Solo logo Fondazione alta qualità - Copia.jpg