annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
28 Marzo 2017

Gerani: moltiplicarli per talea

di annuzza
salva
0 E' utile

Ogni anno i davanzali si colorano con la fioritura dei gerani: rosso, rosa, viola o bianco, dipende dalla varietà scelta. Quante volte ci è capitato di avere un geranio che ci piace in particolar modo e vorremmo averne altri uguali identici, per riempire il terrazzo, o il giardino, con i suoi fiori?

 

L’unico metodo è quello di moltiplicarlo! Non si tratta di un’operazione poi così difficile; il geranio è una pianta che facilmente si moltiplica per talea.

Come si procede?

Di seguito vi do qualche consiglio sul procedimento più facile ed efficace per riprodurre il vostro geranio (vale per ogni tipo di geranio):

 

1. Scegliete un ramo sano e bello turgido del vostro geranio e prelevatene la parte apicale, lunga circa 10 cm e dotata di 3-4 nodi: privatela delle foglie laterali mantenendo eventualmente solo il germoglio apicale. Questa porzione di ramo viene chiamata “talea”. Per fare quest’operazione, utilizzate un bisturi o un coltello con lama molto affilata e ben pulita. Il taglio deve, infatti, essere netto e privo di sfilacciature e si deve evitare di sporcarlo con terra o altre impurità, oltre che evitare l’ingresso di patogeni. Eseguite il taglio leggermente obliquo, appena al di sotto di un nodo. Il prelievo delle talee viene fatto in questo periodo approfittando anche della potatura del geranio, necessaria per sfoltirne la chioma e rinvigorirlo.

32_geranio talee.jpg

 2. Preparate un vasetto (o più vasetti, o una cassetta nel caso di più talee) contenente terriccio fresco e morbido (va bene terriccio di tipo universale mescolato a sabbia).

 

 3. Preparate la talea a date origine ad una nuova pianta! La talea, una volta staccata dalla pianta, va tenuta mezza giornata (massimo un giorno) all’ombra, così da far asciugare la ferita. Quindi, poco prima di interrarla, va trattata con un prodotto radicante: si tratta di una sostanza a base di ormoni detti “rizogeni”, che stimolano l’emissione di radici e la formazione del callo cicatriziale con maggior facilità e velocità, così da ottenere attecchimenti più rapidi e sicuri.

 

 4. Inserite la talea nel terriccio per 2-3 cm, interrando anche il nodo più basale.

 

 5. Bagnate il terriccio, senza inzupparlo troppo, e mantenete i vasetti o la cassetta in una posizione luminosa ma non sotto i raggi diretti del sole.

 

32_geranei giovani.jpg

 

 6. La talea attecchisce generalmente nel giro di un mesetto: quando vedrete i primi germogli aprirsi, potrete iniziare a spostare gradualmente la piantina in una posizione più soleggiata.  Solo quando la pianta si sarà formata a sufficienza, sarà possibile rinvasarla in un vaso più capiente e definitivo. Ovviamente, la prima stagione il geranio ottenuto sarà piccolo, ma, per quella successiva, avrete un altro splendido geranio, identico a quello d’origine!

 

 

32_geraneo.jpg