annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
4 Gennaio 2018

Gennaio, i lavori in giardino e sul terrazzo

di annuzza
salva

Gennaio è il mese più freddo dell’anno: i cosiddetti “Giorni della Merla”, cioè il 29, 30 e 31 gennaio, sono considerati dalla tradizione popolare i più gelidi dell’anno!

La natura è in riposo e i lavori da eseguire in giardino sono veramente pochi: le piante sono al riparo dal freddo, quelle più delicate sono protette da teli in tnt o cannicciati, in riposo vegetativo, e non possiamo far altro che aspettare che torni la primavera.

Tuttavia, ci sono alcune piante, le più rustiche e resistenti al freddo, che possono regalarci soddisfazioni e fiori anche con questo freddo; sono:

 

  • il gelsomino invernale, o di S.Giuseppe (Jasminum nudiflorum),
  • il calicanto (Chimonanthus praecox),
  • i bucaneve (Galanthus nivalis),
  • l’amamelide (Hamamelis virginiana),
  • l’elleboro (Helleborus niger).

 

Bucaneve (foto Pixabay)Bucaneve (foto Pixabay) 

 

Dedichiamoci alla pulizia del giardino e degli arbusti in riposo:

potiamo le rose ad esempio, eliminando i rami secchi, quelli lesionati o troppo deboli. Utilizziamo sempre attrezzi in buono stato di manutenzione, con lame ben pulite e affilate. Diamo una forma più ordinata alla chioma e arieggiamola se troppo fitta e intricata.

 

Per colorare le aiuole, possiamo mettere a dimora piantine di viola (Viola tricolor o Viola cornuta), erica o cavoli ornamentali.

Viola tricolor (foto Pixabay)Viola tricolor (foto Pixabay) 

 

Sono le piante di casa quelle che in questo periodo ci danno maggiori soddisfazioni. Bagniamole con regolarità e forniamo loro nutrimento con un fertilizzante liquido da diluire in acqua (seguire sempre le istruzioni, dosi e modalità di somministrazione indicate in etichetta) e somministrare con l’innaffiatoio. Esistono anche fertilizzanti già pronti all’uso, da fornire in gocce. Le piante ben nutrite saranno più forti e rigogliose. Per rendere le foglie ancora più lucenti e verdi, utilizziamo un prodotti rinverdente o un lucidante fogliare.

Ficus benjamina (foto Pixabay)Ficus benjamina (foto Pixabay)

Controlliamo sempre il loro stato di salute, che non siano intaccate da acari, cocciniglie o altre malattie.

 

Occupiamoci anche dell’albero di Natale, ormai disfatto e spoglio: la sua permanenza in casa lo ha reso un po’ sofferente… in giardino o sul terrazzo starà sicuramente meglio!

 

Per anticipare la primavera, colorare e profumare la casa con fiori, possiamo acquistare bulbi pretrattati di giacinto, muscari o narcisi: tramite forzatura, fioriranno in casa nel giro di poche settimane!

 

L’ orto è in riposo, ma possiamo iniziare a prepararlo per la nuova stagione alle porte.

Lavoriamo il terreno, arricchiamolo con concime organico (letame ad esempio) e iniziamo a programmarne gli spazi.

 

Possiamo già iniziare a procurarci le sementi di ortaggi che prevediamo di coltivare per la prossima stagione produttiva.

 

Nel frattempo raccogliamo gli ultimi cavoli, verze, cavolfiori, finocchi, carciofi, valeriana e lattughe invernali.

Carciofi (foto Pixabay)Carciofi (foto Pixabay)

Fave e piselli, seminati a novembre/dicembre, iniziano a germogliare e a breve si allungheranno: disponiamo tutori e bastoni per sorreggerli durante la crescita.

 

Nel frutteto maturano gli ultimi kiwi, i kaki, le arance e i limoni.

Maturano le arance (foto Pixabay)Maturano le arance (foto Pixabay)

Se abbiamo intenzione di mettere a dimora nuove piante da frutto a primavera, iniziamo con lo scavare la buca d’impianto e arricchiamola in profondità con concime organico (ad esempio letame maturo), così da renderla più accogliente e fertile.

 

Eseguiamo trattamenti invernali contro la bolla del pesco e il corineo delle drupacee. Spazzoliamo il tronco di piante attaccate da cocciniglia, così da allontanarne gli scudetti e, se necessario, eseguiamo un trattamento con olio paraffinico contro questi insetti.

 

Se nevica, scuotiamo la neve che si accumula dai rami più deboli: sotto il suo peso potrebbero spezzarsi!