annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
13 Aprile 2017

Forsizia: 7 consigli per coltivarla

di annuzza
salva
0 E' utile

La forsizia (Forsythia spp., famiglia delle Oleaceae) è il primo arbusto ornamentale a preannunciare l’arrivo della primavera con la sua fioritura, di colore giallo intenso… la prima dopo il lungo riposo invernale

La magia di questo cespuglio, che ci sorprende ogni anno tra febbraio e marzo, è lo spuntare improvviso dei boccioli sul legno nudo: in un attimo, il cespuglio si ricopre di fiori gialli, composti da quattro singoli petali, dallo strepitoso effetto cromatico.

 

30 forsizia  P3090014.JPG

 

In seguito alla fioritura, iniziano a comparire le foglie, ovali, verde brillante, che permangono sul cespuglio fino all’autunno, quando, con l’arrivo del freddo, cadranno rimettendo a nudo la pianta con i suoi fusti eretti e poco ramificati, che possono raggiungere un’altezza di circa 3m a formare un cespuglio folto e disordinato se non sufficientemente curato.

 

La coltivazione di questa pianta è alquanto semplice, ecco come fare:

 

 1. Possiamo procurarci una pianta già sviluppata presso un vivaista e metterla a dimora a fine estate o inizio autunno. Scegliamo una zona soleggiata del giardino e, con una pala, scaviamo una buca delle dimensioni leggermente più grandi del vaso entro la quale ci è stata venduta la pianta. La forsizia preferisce terreni sciolti e ben drenanti, privi di ristagni idrici: questi ultimi sono da evitare se si vuole mantenere la pianta sana e impedire che si sviluppino dannosi marciumi radicali. Sul fondo della buca spargiamo una palettata di letame misto a terriccio; servirà a dare energia alla pianta, sia per attecchire che per la ripresa primaverile. Quindi, svasiamo la pianta e alloggiamola nella buca, in modo che la zona del colletto sia allo stesso livello della superficie del terreno. Aiutandoci con una paletta, o con le mani, riempiamo bene gli spazi vuoti della buca con terriccio universale, premendo bene ai bordi, così da far aderire bene la terra all’apparato radicale della pianta: infine, bagniamo abbondantemente.

 

 2. La forsizia è una pianta poco esigente e molto rustica: resiste bene alle temperature basse invernali e, allo stesso tempo, si adatta alle condizioni caldo aride estive: la sua coltivazione è infatti molto diffusa nel nord, anche come arredo urbano e spartitraffico (è resistente anche all’inquinamento atmosferico!).

 

 3. Non richiede interventi irrigui frequenti: con un innaffiatoio, o con la manichetta, bagniamola abbondantemente solo subito dopo l’impianto e in condizioni di siccità elevata, durante i giorni più caldi dell’anno. Nei restanti giorni, questa pianta si accontenta delle precipitazioni atmosferiche e dell’acqua che assorbe dal suolo con il suo apparato radicale profondo.

 

 4. Per rinvigorire la pianta, possiamo somministrare, a fine inverno, una manciata di concime granulare a lenta cessione, da distribuire sul terreno così che venga assorbito gradualmente dall’apparato radicale. 

 

  5. La forsizia può essere soggetta ad attacchi da parte di insetti quali afidi e malattie fungine quali l’oidio, che si sviluppa in condizioni di umidità eccessiva: proteggiamola preventivamente con prodotti insetticidi e fungicidi specifici nei confronti di queste avversità.

 

30 forsizia P4090006.JPG

 

 6. Eseguiamo la potatura in seguito alla fioritura, mai prima! La forsizia, infatti, fiorisce sui rami dell’anno precedente: potandola prima, a fine inverno, ne sacrificheremmo la fioritura asportando le gemme presenti sui rami nudi. Dopo la fioritura, invece, è possibile tagliare i rami in modo tale da eliminare quelli deboli, quelli vecchi e quelli lesionati o malati. Con la potatura, inoltre, possiamo ridare una forma ordinata al cespuglio. Allo stesso scopo, potremo eseguire un’ulteriore spuntatina a fine estate. Utilizziamo sempre attrezzi da taglio con lame ben pulite e affilate!

 

 7. Utilizziamo la forsizia per la creazione di siepi o come cespuglio isolato in giardino: ricordiamoci però sempre che, per fiorire e svilupparsi sana e rigogliosa, questa pianta ha bisogno di luce e sole!