annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
22 Giugno 2016

Affrettiamoci a preparare l'orto!

di annuzza
salva
0 E' utile

Avete già preparato l’orto? No??? Affrettatevi, l’estate è già arrivata, un po’ in ritardo quest’anno, ma per goderne i frutti è bene rimboccarsi le maniche.

Se ancora non l’avete fatto, ecco alcuni buoni consigli da seguire, passo dopo passo, per produrre ortaggi freschi e gustosi per tutta l’estate.

Fare l’orto richiede fatica e impegno, ma può ripagare con molte soddisfazioni. Volete mettere il piacere di raccogliere insalatina fresca e pomodori maturi prodotti da noi stessi per creare colorate e gustose insalate estive da offrire agli amici nelle cene estive?

Non è importante avere grandi spazi; anche un piccolo quadrato di terreno in giardino può trasformarsi in un orto produttivo e appagante. E se non avete un giardino… cimentatevi nell’orto sul terrazzo, l’ultima tendenza, ‘cheap and chic’, efficace anche contro lo stress della vita frenetica cittadina.

Prima regola: scegliete la posizione più adatta agli ortaggi che volete coltivare: alcuni vogliono tanto sole, altri meno. Considerate lo spazio che avete a disposizione e le sue caratteristiche (esposizione, luminosità) e, di conseguenza, scegliete gli ortaggi che più si adattano a queste condizioni. Qualche esempio:

- Pomodori, melanzane, peperoni, peperoncini, ortaggi che fanno parte della famiglia delle ‘Solanacee’, vogliono, come suggerisce la parola, una posizione soleggiata;

- Insalate varie (cicoria, lattuga, valeriana, rucola) si accontentano di una zona in mezz’ombra, dove possano prendere qualche ora di sole al giorno;

- Ortaggi quali sedano, finocchi, spinaci e basilico, infine, non tollerano un’esposizione prolungata al sole, preferendo posizioni all’ombra.

food-wood-tomatoes.jpg

 

Un consiglio: scegliete preferibilmente varietà di ortaggi locali; otterrete i migliori risultati coltivando varietà che meglio si adattano alle condizioni pedoclimatiche dell’area in cui vi trovate.

Un buon aiuto nella progettazione dell’orto è quello di preparare uno schema su carta, riportante la disposizione delle singole piantine che volete coltivare; in questo modo avrete un’idea precisa di dove metterle, quali e quante acquistarne.

orto.jpg

 

Ormai i tempi sono stretti; è meglio acquistare piantine già sviluppate presso un vivaio specializzato e ben fornito, piuttosto che seminarle. Quest’ultima operazione andrebbe fatta a primavera, in un semenzale, e richiede tempi di attesa più lunghi. Guardate bene le piantine prima di acquistarle: devono essere sane e robuste, ben turgide e senza sintomi di malattie, punture di insetto o altre anomalie sospette.

Preparate il terreno: deve essere sufficientemente accogliente per le piantine! Sarà necessario eseguire una lavorazione profonda, con una zappa a mano o, se ne avete la possibilità, con una motozappa. In questo modo verranno rotte le zolle più grandi e la crosta superficiale più dura e compatta; il terreno verrà sminuzzato e ammorbidito, verranno eliminati i sassi e anche le erbe infestanti. Per rendere il terreno più fertile è necessario incorporare un po’ di concime organico (ad esempio letame o stallatico): un terreno ricco produrrà meglio sia in quantità che in qualità! Quindi, con un rastrello, livellate e pareggiate la superficie.

Ogni piantina va messa a dimora con delicatezza, evitando di romperne le foglie o lesionarle l’apparato radicale. Una volta inserita nella buca, è importante pressare bene con le mani il terreno circostante e irrigarla, in maniera da far aderire bene il terriccio all’apparato radicale.

Procuratevi attrezzi comodi e maneggevoli che possano aiutarvi in questo lavoro: vanghe, zappe, pale, palette, rastrelli… Non fatevi mancare attrezzi di buona qualità; dimezzerete la fatica e moltiplicherete i risultati!

Per rendere più bello e originale il vostro orto, inserite elementi decorativi quali palette per segnare il tipo di ortaggio presente per ogni area e, perché no?, uno spaventapasseri! Utile per tenere lontani gli uccelli, ghiotti delle delizie dell’orto, uno spaventapasseri può essere creato in casa con fantasia e originalità, coinvolgendo anche i vostri bambini: ricordatevi che fare l’orto è un’attività ricreativa molto educativa per loro!

spaventapasseri.JPG

 

Nel caso di orto sul terrazzo, lo spazio a disposizione, limitato, vincolerà la scelta degli ortaggi da coltivare, in vaso. Le cucurbitacee, ad esempio (meloni, angurie, cetrioli, zucche e zucchine) potranno difficilmente essere coltivate in queste condizioni, poiché hanno bisogno di molto spazio sul quale crescere ed allungarsi… Bisognerà invece optare per piantine che richiedono spazi più ridotti, che possano crescere tranquillamente in vaschette o vasi: rapanelli, insalate, prezzemolo, pomodorini, spinaci, fragole. Sbizzarritevi nella scelta dei vasi; potrete utilizzare contenitori diversi, cassette in legno, latte in metallo o anche direttamente i sacchi di terra (scegliete quelli di terra specifica per orto) nei quali creare dei piccoli buchi in cui inserire le piantine!

orto in cassetta 2.jpg      orto in cassetta.jpg

Sempre in vaso, sul balcone, create un angolo di erbe aromatiche: necessarie in cucina per insaporire i cibi con il profumo delle loro foglie più tenere e belle da vedersi in vaso con i loro fiori colorati: è bello avere sempre a portata di mano rosmarino, salvia, santoreggia, timo, erba cipollina e menta, per citare le più classiche. Provate però anche quelle meno conosciute: la stevia, l’erba luisa, la salvia ananas, il timo limonino… sono tutte relativamente facili da coltivare.

Infine, non dimenticatevi che, una volta preparato, l’orto va mantenuto! Se non avete l’opportunità di bagnarlo regolarmente, ricordatevi di installare un impianto di irrigazione; ne esistono di economici ed efficienti, facili da usare e installare. Sempre meglio innaffiare nelle ore più fresche della giornata, la mattina presto o la sera, così da non sprecare acqua per evaporazione. Se è vero che la mancanza d’acqua fa soffrire le piante, è altrettanto vero che gli eccessi idrici sono dannosi in quanto possono portare allo sviluppo di malattie e marciumi. Oltre all’acqua, somministrate un buon fertilizzante, ogni 10-15 giorni: in questo modo fornirete la giusta dose di elementi nutritivi necessari alle piante per produrre ortaggi di buona qualità; pomodori rossi e sugosi, insalate verdi e saporite, zucchine gustose e croccanti.

Tenete sempre d’occhio le condizioni di salute delle piante; insetti dannosi e malattie fungine possono mettere a dura prova il vostro orto e rovinare la fatica fatta finora!

Buon orto!