annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Come coltivare una pianta carnivora?

RISOLTO
Mastro**

Come coltivare una pianta carnivora?

Ciao a tutti,

 

ho comprato a una piantina carnivora, potete aiutarmi a capire come curarla?

Bisogna travasarla? Di che concime ha bisogno?

 

Grazie

2 RISPOSTE
Esperto Giardino

Rif.: Come coltivare una pianta carnivora?

Ciao,

bisognerebbe capire a quale varietà appartiene, comunque essendo una pianta tropicale vanno bagnate bene e tenute in casa d'inverno e fuori ma in una zona ombreggiata d'estate.

Spero di esserti stato d'aiuto e sempre a disposizione per qualsiasi chiarimento, Paolo A.

 

Paolo Ans
Esperto Giardino

Rif.: Come coltivare una pianta carnivora?

CiaO Raff!!!

 

Allora le piante carnivore si dividono in diverse specie, la più comune di tutte e la Nephentes Risultati immagini per nepenthes

ovvero questa che vedi in fotografia. Questa è la più semplice da tenere soprattutto quando diviene di questa misura. Per il travaso della pianta ti occorre un substrato di terriccio fatto da TORBA Bionda e Perlite mischiato cosi strato inferiore solo perlite strato centrale perlite e torba strato in superficie solo torba eventualmente mischiato con del terriccio per orchidee o corteccia di pino.

Va innaffiata costantemente molto meglio se riesci a farlo solo con acqua piovana!!! Ovviamnente è una pianta che riesce a sopportare bene il caldo poiche anche 40 gradi non le da fastidio ma va in difficolta quando le temperature scendono al di sotto dei 20°C quindi nei periodi invernali la pianta va ricoverata all'interno o in serra "calda" cioè con un riscldamento. Adora essere concimata con un composto alto di Azoto.

Poi c'è quella che da più l'impatto di essere carnivora e quella diciamo che più attira per la sua forma ovvero la Dionaea

Risultati immagini per dionea

Questa ha bisogno di cure più particolari infatti ama stare al sole diretto ma odia il vento che tende ad asciugare il terreno.

Infatti ha bisogno di un terriccio solo a base di Torba e mischiato solo in superficie con della Sabbia (importente non calcarea).

La sostituzione del vaso deve avvenire in primavera e c'è bisogno di un sottopiatto per il contitnuo ristagno d'acqua infatti ama essere sempre bagnata. IMPORTANTISSIMO la pianta vive in queste condizioni anche senza nutrirsi, quindi evitare di inserire nelle "bocche" mosche morte o altri tipi di insetti morti si potrebbe creare viceversa un serio problema alla pianta. Se si vuol vedere la pianta in azione conviene più prendere un qualsiasi frutto e farlo marcire vicino alla pianta questo richiama moscerini ed altri tipi di insetti e la pianta si nutrirà normalmente. Aggiungo di solito con questo tipo di pianta così delicata ci sarebbe bisogno di un TERRARIO per farsi che i microclimi essenziali per la sopravvivenza e per la propagazione ci siano sempre tutto l'annoRisultati immagini per dionaea terrarioforse questa immagine rende l'idea. Ovviamente una buona illuminazione la si può dare o con i led a basso consumo o con i neon, i primi devono essere neutri ovveno ne caldi ne freddi (intorno ai 4000 k) i secondi hanno sulla confezione scritta FLORA ma in realta il valore è uguale!!

Poi c'è da predisporre anche un umidificatore vaporizzaore in modo da creare un innaffiamto più idoneo.

Poi ci sono le Sarracenie

Risultati immagini per sarracenia

anche per questa specie vale il discorso delle Dionaea infatti  ha bisogno della stessa cura.

Unica differenza avviene per la propagazione della pianta infatti la prima si può riprodurre sia per talea che per semenze mentra questa si propaga solo per semina, ma i semi devono subire per almeno due mesi uno sbalzo significativo di temperatura quindi o si lasciano fuori per l'invero se le temperature non vanno al di sotto dello 0° e non salgono al di sopra di 5° oppure basta riporli in frigo dove la temperatura sia esattamente compresa nei due valori preceìdenti.

 

SPERO che ti sia stato utile nella descrizione, ma se ho omesso qualcosa oppure in qualcosa non sono stato abbastanza chiaro chiedi pure

 

ALLA PROSSIMA CIAO PEPPE